05 dicembre 2008

Veltroni e le chiacchiere

Come nei giorni precedenti alla data del 25 ottobre scorso, quella fissata per la manifestazione del PD al Circo Massimo di Roma, quando tra interviste e dichiarazioni sembrava che dovesse conquistare almeno la Florida da assegnare al suo “alter ego” Obama, anche in questo periodo, in previsione della riunione della direzione PD del prossimo 19 dicembre, Veltroni fa autotraining.
“Adesso basta con le confessioni anonime – afferma Veltroni in un’intervista a Repubblica - basta con i retroscena, basta con i veleni". Si carica, s’impone ottimismo, mostra i muscoli, si vuole convincere che sia un vincente, che può farcela, che si può fare. E dichiara d’esser disposto al più banale e ritrito dei modi di dire, mutuato dall’ipocrisia dei tanti manager e dei parolai che vogliono far breccia: Veltroni è pronto a “mettersi in gioco se questa si rivelerà la soluzione più condivisa”.
Nell’intervista rilasciata a Repubblica si attribuisce grandi successi politici, fra questi, naturalmente, anche la vittoria di Obama negli USA, oltre che il successo nel lancio della tv satellitare Youdem, rete televisiva del PD, naturalmente, con assonanza “americana”. Si loda per il successo della manifestazione di Roma e per la conferma del candidato in Trentino, spacciata per conquista elettorale ( è stato rieletto l’uscente, ma con calo dei consensi - ndr).
Omette, però, al contrario di Prodi e D’Alema, di citare tra i suoi successi la rimozione della spazzatura di Napoli, dimostrandosi persino più modesto dei suoi due compagni della sinistra. Non ha parlato neanche delle amministrative di Roma, dove era sindaco uscente, perse in malo modo dal centrosinistra e dal suo predecessore Rutelli. “A Veltrò….te possano” è stato il commento più sereno di un uomo di sinistra romano che mi è capitato di ascoltare e che aveva votato Rutelli, ma solo per “fede a sinistra” come ci ha tenuto a precisare.
Il leader del PD nell’intervista non ha fatto, naturalmente, cenno alla scivolata sulla questione Sky ed ha svicolato sui focolai di difficoltà nelle situazioni locali in cui il PD è presente a livello di gestione amministrativa. Realtà locali che interessano l’Italia in modo trasversale dal sud al nord e viceversa, investite da vicende diverse che vanno da quelle giudiziarie emerse ed emergenti, a quelle di crisi per questioni di lotta nella gestione del potere locale, con ampi dissidi interni al PD, ed anche alle tensioni nei rapporti con le altre formazioni politiche della sinistra.
Sembra che sia come se, dinanzi ad un incendio dirompente che sta distruggendo la casa, ci si compiaccia d’aver salvato l’album delle foto di famiglia. Va bene che è un’importante testimonianza dei tempi della vita, ma diviene difficile compiacersi dinanzi alla distruzione di tutto il resto.
Veltroni, però, è fatto così! Per recuperare risorse, può sempre scrivere un libro, magari questa volta, invece dell’alba, sarebbe bene che scoprisse il tramonto, e ricomprarsela la casa, come per quella per la figlia che studia cinema, non nelle università italiane (quelle sono per il popolo e per l’onda anti-Gelmini - ndr), ma tra i grattacieli di Mahanattan dove vivono i vip di New York.
Arturo Parisi del 2008 del PD ha un’idea differente. Commentando l’intervista di Veltroni a Repubblica, infatti, osserva: “quest'anno io me lo ricordo completamente diverso, ma soprattutto non riesco a dimenticare il disastro delle politiche e la sconfitta di Roma, dove lui era il sindaco uscente. Evidentemente dobbiamo ripassarci il calendario insieme”. Bene! Fatelo!
Leggendo l’intervista del leader del PD si scopre che “Berlusconi è impegnato in un attacco contro di noi che non ha precedenti”. I toni sono apocalittici, ma gli italiani hanno avuto l’impressione che sia accaduto l’esatto contrario e che sia stato invece Veltroni, con Di Pietro, per il gusto di mettere in difficoltà Berlusconi, ad agire cinicamente persino contro il Paese.
C’è uno sciopero generale il 12 dicembre prossimo, indetto dalla Cgil da sola, di cui Veltroni non parla, e che è uno sciopero contro l’Italia. Il leader del PD dovrebbe sapere che la recessione non è altro che la flessione del Prodotto Interno Lordo, e sapere anche che uno sciopero generale incide proprio sul PIL. Tutto il resto “so’ chiacchiere”.
Vito Schepisi

5 commenti:

Antonio Gabriele Fucilone ha detto...

Caro Vito.

Veltroni non è più nessuno!
Lui stesso è ben conscio di ciò e sa che, di fatto, non ha più una leadership nel Partito Democratico, un partito sul punto di implodere.
Il Partito Democratico è come l'Impero Romano nel suo ultimo periodo.
Veltroni non ha perso solo la leadership nel suo ormai decadente partito ma sente di non essere più il leader del centro-sinistra, ormai di fatto capeggiato da Di Pietro, un uomo pericoloso.
Con quello che dice, Veltroni cerca solo di convincersi del contrario ma lui sa benissimo che (almeno formalmente) come leader ha i giorni contati.
Cordiali saluti.

vito schepisi ha detto...

Ciao Antonio...ho scritto che il PD durerà fino alle prossime europee...poi penso che dovrà essere ripensato un po' tutto a sinistra. Con un PD...brutta copia dell'ex pci...manicheo, supponente, volto contro il sistema senza neanche la proposta del vecchio pci di voler cambiare modello sociale, statico nel pregiudizio, senza una visione storica, alla caccia del potere senza idee per gestirlo...la sinistra non va da nessuna parte se non ...verso una guerra civile. Dopo le europee i nodi verranno al pettine ancghe pechè ora sotto la mannaia della questione morale ci sarà l'interesse al compattamento. C'è molta paura a sinistra...il giudizio morale degli italiani è feroce. Pensa un po' che cosa sarebbe successo se Berlusconi, ad esempio, invece che d'Alema, avesse fatto ricorso all'immunità parlamentare europea per scrollarsi di dosso la questione BNL Unipol? Ho scritto un post oggi per soffermarmi sull'esigenza di spingere per chiarire in politica sia il ruolo della magistratura e le regole che ne stabiliscano un'azione pertinente e civilmente severa con tutti, sia sui metodi e le regole che la politica ha il dovere di rivedere. Speroproprio che il PD non si sottragga a questo confronto. Ciao! Vito

Antonio Gabriele Fucilone ha detto...

Caro Vito.

Basta vedere la giunta della Sardegna che sta andando in pezzi!
Cordiali saluti.

vito schepisi ha detto...

E ....non solo in Sardegna!!!!!....Ciao! Vito

Anonimo ha detto...

Your blog keeps getting better and better! Your older articles are not as good as newer ones you have a lot more creativity and originality now keep it up!